III Millennio

 

A tal proposito è segnato dai seguenti elementi:

  • La globalizzazione, che costringe un soggetto economico a tratta-re con partner e clienti operanti in aree remote o in paesi dove la tutela legale dei contratti è incerta;
  • La concorrenza sui mercati, che si sta facendo sempre più forte e richiede sia misure di protezione del proprio business sia azioni di vera e propria intelligence per ottenere le informazioni adeguate su cosa stanno preparando i concorrenti;
  • L’uso crescente di transazioni e comunicazioni via rete, che richiede una tutela continuamente evoluti-va della riservatezza per gli attori commerciali e della privacy per i cittadini;
  • La rapida diffusione della ricchezza, grazie ad un’economia crescente e di massa, ma che produce, comunque, un ampio numero di esclusi, parte dei quali propensi a prendere scorciatoie di arricchimento di tipo criminale.

Quindi tendono ad aumentare i reati tradizionali contro la proprietà, ed anche il fenomeno nuovo della criminalità secolarizzata e dotata di saperi è in veloce crescita;

  • Stanno emergendo movimenti di protesta – ambientalisti, animalisti ed anticapitalisti in generale – che usano il sabotaggio come metodo di lotta;
  • Nell’economia della conoscenza l’informazione ha un valore sempre più strategico che rende maggiore il danno di una fuga informativa, ad esempio, relativamente ad un brevetto o ad una procedura indu-striale o a un elenco di clienti;
  • L’ambiente legale sta sviluppando nuove tutele nei confronti dei lavoratori che implicano diritti a risar-cimenti: i comportamenti sessuali nel luogo di lavoro, la salute dei lavoratori. Le aziende hanno l’eviden-te interesse a raffinare il controllo interno affinché manager o lavoratori non creino una dannosa re-sponsabilità legale per l’azienda.